Translate - Now!

mercoledì 30 luglio 2014

Colori e pittura

Questa lezione sarà abbastanza facile. I colori già li sapevamo da altre mille lezioni…e se non li sapete mi faccio esplodere!



رنگ ها و نقاشی = colore e pittura

رنگ = rang, colore
رنگ کردن = rang kardan, colorare
نقاشی = naghaashi, dipinto
نقاشی کردن = naghaashi kardan, dipingere
طرح = tarh, disegno
طرح کردن = tarh kardan, disegnare
قلم مو = ghalam mu, pennello
مخلوط کردن = makhlut kardan, mescolare
بهدست اوردن = bedast aavardan, ottenere
منظر = manzar, vista
طبیعت = tabiat, natura
طبیعی = tab’i, naturale
موضوع = mozu’, soggetto
نقاش = naghaash, pittore
اب رنگ = aabrang, acquerelli
رنگ روغن = rang rughan, colori a olio
اصلی = asli, base

سیاه = siyaah, nero
سفید = sefid, bianco
ابی = aabi, blu
زرد = zard, giallo
سرخ = sorkh, rosso
سبز = sabz, verde
قهوه ای = ghahve’i, marrone
بنفش = banafsh, viola
نارنجی = naarenji, arancione
صورتی = surati, rosa
خاکستری = khakestari, grigio

کمرنگ = kamrang, chiaro
پررنگ = porrang, scuro

کشیدن = keshidan, disegnare
کمی = kami, un po'
استفاده کردن = estefaadeh kardan, usare/utilizzare 



Tre frasi esempio:

مثلاً = esempio (notare che anche la grafia è araba)

مثلاً از ابی و زرد، رنگ سبز به دست می اورد
از زرد و سرخ، رنگ نارنجی میسازد
از ابی و سرخ، رنگ بنفش به دست می اورد

Breve lettura:

موضوع نقاشی او نیشتر طبیعت است. او منظره های طبیعی راخیلی دوستمیدارد
اول با مداد طرح را کمرنگ می کشد و بعد با اب رنگ یا رنگ روعن و با قام مو نقاشی خود را کامل می کند
یکی از نقاشی های او کوهستان و ابشار است


Oramai dobbiamo saper leggere da soli: siamo autonomi.

martedì 22 luglio 2014

Infinito


Avevo minacciato niente lezioni di grammatica…invece sono “durughu” دروغو (bugiarda).

Lezione tutta di grammatica: verbi all’infinito. Non nel senso che non finiscono mai, eh! (Che battutona….)

Come sapevamo già da tempo, i verbi all’infinito termina tutti in dentale + nasale: -dan/-tan.

Ad esempio: 

زدن = colpire
کردن = fare
دادن = dare
گفتن = dire
رفتن = andare
گرفتن = prendere

Le radici del verbo sono:


radice

radice

radice
زدن
زن
کردن
کن
دادن
ده
گفتن
گو
رفتن
رو
گرفتن
گیر

Abbiamo già visto come si forma il tempo al presente. Se non ve lo ricordate cliccate sul link qui di seguito:


Esempio di coniugazione:

Tempo presente del verbo colpire:

زدن

می زنم
می زنی
می زند
می زنیم
می زنید
می زنند

Questo tempo verbale può essere usato anche come “presente progressivo”. Ma in realtà di sono anche altri due modi per farlo. Immagino che siano anche più usati.

  1. aggiungere il verbo دارم + il verbo al presente:
من دارم می روم
تو داری می روی
او دارد می رود

2. aggiungere la parola “essere occupato” مشغول + verbo all’infinito:

او مشغول نوشتن است

oppure “essere nella condizione” درحل + verbo all’infinito:

او درحل رفتن است


Come dovreste ricordare anche l’imperativo si forma dall’infinito aggiungendo la particella ب

Se non ve lo ricordate cliccate qui: 


Alcuni esempi:


infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

زنگ زدن
suonare
زدن
در زدن
bussare

حرف زدن
parlare

infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

کار کردن
lavorare
کردن
رنگ کردن
colorare/tingere

خسته کردن
stancarsi

infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

قول دادن
promettere
دادن
یاد دادن
insegnare

بو دادن
arrostire

infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

راست گفتن
dire la verità
 گفتن
شعر گفتن
scrivere una poesia

دروغ گفتن
mentire

infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

در رفتن
scapapre
رفتن
راه رفتن
camminare

سر رفتن
arrabbiarsi 

infinito “semplice”
infinito “composto”
significato

یاد گرفتن
imparare
گرفتن
قرار گرفتن
sistemare

جا گرفتن
aver spazio per


Per quest’oggi è tutto. Alla prossima puntata che ci riporta ad una delle prime cose imparate. Provate ad indovinare cos’è.




lunedì 21 luglio 2014

Routine quotidiana

Dopo un lungo silenzio eccomi di nuovo qui.

Iniziamo il libro 3. Non sarà affatto facile. C’è molto da leggere e tantissimo da assimilare…uh…ce la dobbiamo fare per forza!


Farsi Asan libro 3



Questa prima lezione ci dà gli strumenti per descrivere le attività quotidiane. Mi vesto, mi lavo, studio, lavoro. 

E come è tradizione, le parole nuove! Da integrare con tutto quello che sappiamo dal libro 2.

برنامه ی روزانه = Programma della giornata

صرف کردن = sarf kardan, mangiare
اماده = aamaade, pronto (essere pronto)
علوم = ulum, scienza
ظهر = zohr, pomeriggio
ریاضی = riaazi, matematica
استراحت = esteraahat, riposo
برگشتن = bargashtan, ritornare
تکلیف = taklif, compiti per casa
انجام دادن = anjaam daadan, continuare
رادیو = raadio, radio
تلویزیون = televizion, televisione
گوش دادن = gush daadan, ascoltare
تماشاکردن = tamaashaa kardan
چای  = chai, the
زنگ زدن = zang zadan, suonare (di un campanello)
بیدار شدن = bidaar shodan, svegliarsi
نماز = namaaz, preghiere quotidiane
نماز خواندن = namaaz khaandan, pregare/fare le preghiere
وضو = vozu, abluzioni
وضو گرفتن = vozu gereftan, fare le abluzioni
شستن = shostan, lavare
پوشیدن = pushidan, vestirsi 
سلام کردن = salaam kardan, salutare
صبحانه = sobhaane, colazione
نهار = naahaar, pranzo
شام = shaam, cena
دانش اموز = daanesh aamuz, studente
برخاستن = barkhaastan, salire


Ci sono parole che abbiamo già incontrato. Le avete notate?


Con i verbi che ci sono qui possiamo fare il gioca jouer in persiano!

Il libro prosegue con un lungo brano sulla vita quotidiana di un tizio. Testo di una noia mortale. Meglio evitare di perderci troppo tempo e pensare alla nostra giornata e cercare di dirlo in persiano. Con il limite dato dal nostro livello. 

Nelle prossime lezioni finalmente si va più a fondo della grammatica e di cose più utili. Quindi, pazientate e aspettate le prossime lezioni.

domenica 6 luglio 2014

Riassunto del libro 2



Prima di iniziare il libro 3, voglio ripassare tutto quello che è stato fatto nel libro 2. Ricordare tutto è impossibile, ma ho scelto le parti che io ritengo più importanti. 


Lezioni di lettura e scrittura del persiano:



Compendio di grammatica:

Obiettivo:

  1. verbo essere
  2. verbo avere
  3. tempo presente (coniugazione)
  4. imperativo
  5. aggettivi possessivi
  6. uso di ra
  7. uso di khod
  8. uso di az - be

Elenco link delle lezioni degli obiettivi:


Vocabolario minimo:

Si = Bale = بله
No = Na = نه
Questo = In = این
Quello = An = ان
O/oppure  = ya = یا

Grande = bozorg = بزرگ
Piccolo = kuchak = کوچک


Domanda: in chist? این چیست؟
Domanda: Chand? Koja? چند؟ کجا؟

Preposizioni da imparare:

Dietro = post = پشت
Davanti = jolo = جلو
Accanto = kenar = کنار
Sopra = ruye = روی
Sotto = zire = زیر
Qui = inja = اینجا
Lì = anja = انجا

Congiunzioni:

anche = ham = هم
e  = va = و

Le parole delle varie lezioni:

رنگها = Colori

Blu = abi = ابی
Rosso = qermes = قرمز
Verde = sabz = سبز
Giallo = zard = زرد
Rosa = surati = صورتی
Viola = banafsh = بنفش
Bianco = sefid = سفید
Nero = siah = سیاه
Arancione = narenji = نارنجی

Matita = medad = مداد
Penna = ghalam = قلم
Libro = ketab = کتاب
Quaderno =  daftar = دفتر
Zaino/ borsa = kif = کیف
Tavolo = miz = میز
Sedia = sandali = صندلی
Blocknotes = ketabche = کتابچه


Essere umano = انسان, Ensaan

مرد = mard, uomo
زن = zan, donna
پسر =pesar, figlio-ragazzo
دختر = dokhtar, figlia-ragazza
کودک = kudak, bambino 
نوزاد = nuzaad, bambino (neonato)
راست = raast, destra
چپ = chap, sinistra
طرف = taraf, lato
طرف راست = tarafe raast, lato destro
طرف چپ = tarafe chap, lato sinistro



Parti del corpo umano:

مغز = maghz, cervello
چشم = cheshm, occhio
گوش = gush, orecchio
دهان = dahaan, bocca
زبان = zabaan, lingua
لب = lab, labbro
دندان = dandaan, dente
بینی = bini, naso
دست = dast, mano/braccio
پا = paa, piede/gamba
زمان = zamaan, tempo (orario)
ساعت = saat, orologio/ora
روز = ruz, giorno
شب = shab, notte
مچی = mochi, da polso
دیواری = divaari, da muro
دقیقه = daghighe, minute
ثانیه = saaniye, secondo
شمار = shomaar, fare la conta
عقربه = aghrabe, mano
شمردن = shomordan, contare
بعضی = ba’zi, alcuni
سنجیدن = sanjidan, misurare
کار می کند = kaar mikonand, funziona/lavora
خوابیده است = khaabideh ast, si è fermato
کوک کردن  = kuk kardan, finire
نیم = nim, mezza/metà
ربع = rob, un quarto
کند = kond, lento
تند = tond, veloce
جلو بردن = jolo bordan, mettere avanti
عقب بردن = aghab bordan, mettere indietro
خودکار = khodkaar, automatico
باطری = baatri, batteria
شاید = maybe
گذاشتن = mettere/usare
باید = “should”
نو = nuovo

روزهای هفته  = Giorni della settimana

شنبه = shanbe, sabato
یکشنبه = yekshanbe, domenica
دوشنبه = doshanbe, lunedì
سه شنبه = seshanbe, martedì
چهارشنبه = chaahaarshanbe, mercoledì
پنجشنبه = panjshanbe, giovedì
جمعه = jom’e, venerdì

امروز = emrus, oggi
امشب = emshab, stanotte
صب ح = sobh, giorno
ظهر = zohr, sera
تعطیل = ta’til, festivo
خورشید = khorshid, sole
اَفتاب = aaftaab, luce del sole
ابر = abr, nuvola
آفتابی = aaftaabi, soleggiato
ابری = abri, nuvoloso 
طلوع کردن = tolu kardan, sorgere
غروب کردن = ghorub kardan, tramontare
ماه = maah, luna (mese)
ستاره = setaare, stella
غروب = ghorub, sera (tardo pomeriggio)
روشن = rowshan, chiaro
تاریک = taarik, scuro
اَسمان = aasemaan, cielo


Neanche io mi ricordo tutto senza problema. Serve fare pratica, altrimenti ricordare diventa solo un meccanismo inutile che al bisogno poi non si sa usare.

Una cosa su cui cado sempre sono gli aggettivi possessivi. Poco toccati nelle lezioni del libro 2. Di seguito vi ripropongo la lezione in cui se ne parlava, per fissarli una volta per tutte (?).

Aggettivi possessivi:

من
تو
او
ما
شما
ان ها

Esempi:

پدر من
کتاب تو
مادر او
میز ما
دختر شما
برادر ان ها

Come dovremmo sapere, esiste anche la forma contratta degli aggettivi possessivi:

م
ت
ش
مان
تان
شان

Esempi:

پدرم
کتابت
مادرش
میزمان
دخترتان
برادرشان

L’unica cosa a cui dobbiamo stare attenti è la prima persona plurale: مان come suffisso potrebbe portarci istintivamente verso la prima persona singolare. Attenzione! Mi gabba spesso e volentieri.

Negli esempi della forma contratta abbiamo quindi:

pedaram
ketaabat
maadarash
mizemaan
dokhtaretaan
baraadareshaan

Bisogna abituare l’orecchio alla differenza tra a breve ed a lunga, perché in persiano è fondamentale. 



venerdì 4 luglio 2014

10 domande




1. Di cosa parla questo blog? A chi è rivolto?

Questo blog è lo sfogo delle mie passioni. Tutte elencate nel sottotitolo: le letterature e le lingue straniere. Ci sono lezioni di persiano, a volte recensioni di libri che ho letto, “cose russe” di cui volevo parlare, collegamenti forse oscuri che passano dalla Russia e arrivano in Iran. Principalmente è un blog per imparare il persiano, l’obiettivo primario. Ma facciamo anche intervallo culturale per svagarci un pò. Un riassunto dell’interculturalità del blog è questo post (in viaggio tra Russia e Iran:
http://tutfaranghi.blogspot.it/2014/06/in-viaggio-tra-russia-e-iran.html


2. Perché il nome tutfaranghi?

Tutfaranghi in persiano significa “fragola”. Tutto nasce una sera quando il mio tesoro mi porta una cassettina di fragole perché sa quanto mi piacciono. Io gli chiedo “come si dice fragola in persiano?”, e lui “tutfaranghi. Tut sono le bacche, faranghi dall’estero”. E io illuminata da ciò gli dico con faccia angelica “allora io sono zan (donna) faranghi!”.

3. Ma sei un’insegnante di persiano?

No. Ho una laurea magistrale in lingua e letteratura russa. Il persiano l’ho iniziato a studiare seriamente quanto ho aperto il blog. Ogni lezione del è il sunto della lezione che io ho appena studiato. Ciò che trovate è tutto ripreso dal libro “farsi asan” e corretto dal mio cuore Azizam in caso di errori di battitura. Buttate un occhio qui: 
http://tutfaranghi.blogspot.it/2014/05/cosa-faccio-e-cosa-uso.html

4. Che c’entra la Russia con l’Iran e l’Italia?

Come dicevo prima, ho una laurea in slavistica. L’Iran è il paese dove è nato il mio cuore Azizam. E l’Italia…beh, è chiaro, sono io! E poi vi dovete leggere il post della domanda uno!

5. Sei stata in Iran?

Non ancora. Ma ho studiato in Russia e negli Stati Uniti. Della Russia vi ho parlato di più…forse un giorno di questi vi racconto del mio viaggio studio a Seattle.

6. Allora perché studi persiano?

Per il mio tesoro amore vita! Ho scoperto che mi piace proprio tanto il persiano. E poi studiare le lingue straniere è il mio lavoro.

7. Il tuo metodo funziona?

Chiedilo ad Aladino! Alaeddin è il nome dell’autore del libro che uso. Lui pensa che funziona. Ma nei miei post ci sono tutte le chicche che il libro non ha: spiegazione in italiano e commento di chi sta studiando e ha le proprie perplessità.

8. Audio e video delle lezioni?

Niente canale YouTube, podcast o cose così. Mai dire mai, ma per ora è solo blog scritto duro e puro.

9. Qualche consiglio “fonico”? 

Certo! Sentitevi quanta più musica potete. Io con le canzoni ho imparato l’inglese. E film. Non importa cosa e chi all’inizio. Basta fare ascolto. L’elevatura intellettuale del materiale audio video può essere accantonata all’inizio. Se volete un consiglio (personale, non lo dite ad Azizam!), ascoltate Shahram Shabpareh. Almeno ridete…

10. Come ci teniamo in contatto?

Sono rintracciabilissima. 

Sono su Facebook: https://www.facebook.com/tutfaranghi
Sono su Twitter: https://twitter.com/MicTheLinguist

e potete commentare direttamente qui sul blog.


Adesso ho io una domanda per voi...avete domande?

Baghali polo

Un piatto che non mi stancherei mai di mangiare è baghali polo. Baghali polo significa riso alle fave. Ottimo, semplice e vegetari...