Post

Visualizzazione dei post da 2015

Ripasso: giorni della settimana con tabella

Sono tornata a studiare il persiano.
Poco alla volta e molto molto lentamente.
Perché? 
Mi sono trasferita in Germania e ho imparato il tedesco da zero. Il mio livello è solo B1, raggiunto in 9 mesi, con tanto di esame che certifica il mio B1. Ero impegnata su altri fronti.
Ho deciso di riprendere il persiano a piccole dosi perché voglio comunicare con la mia famiglia iraniana. 
Primo problema del mio ritorno sullo studio: i giorni della settimana. 
Qui: http://tutfaranghi.blogspot.de/2014/06/giorni-della-settimana.html
avevo già affrontato la questione. Mi sono però resa conto che ho associato ogni giorno ad un numero che non corrisponde a quello in Iran. Mi spiego meglio. Yekshambe è letteralmente il giorno uno. Per noi, sarebbe lunedì, per loro è domenica. Come fare?
Magari una tabella mi aiuterà.


Giorni della settimana
روزهایهفته
0 shanbe
sabato
1 yekshanbe
domenica
2 doshanbe
lunedì
3 seshanbe

Scioglilingua italiano e saggezza iraniana

In uno dei giochi linguistici con cui mi diverto spesso, c’è la traduzione letterale, improbabile e assurda, di modi di dire, metafore e insulti.
Ieri mi sono divertita con questo scioglilingua animale che non ha nessun senso, ma è estremamente famosa in Italia. Quindi, per tutti gli iraniani che parlano italiano, ecco a voi:
sotto la panca la capra campa sotto la panca la capra crepa
روی نیمکت بز زندگی می کنه زیر نیمکت بز میمیره
Divertitevi a sorprendere la vostra famiglia con le vicende della capra italiana! 
*************************************************
Una perla di saggezza iraniana in cambio della capra italica.
کسی که خوابیده است را می توان بیدار کرد، ولی کسی که خود را به خواب زده هرگز

Puoi svegliare qualcuno che dorme, non puoi svegliare qualcuno che fa finta di dormire.

Dov'è la casa del mio amico? - Abbas Kiarostami

Immagine
Dov'è la casa del mio amico? film del 1987 di Abbas Kiarostami. 




(خانه دوست کجاست, Khane-ye doust kodjast)

Il bambino Ahmad, tornato a casa, trova nella sua cartella il quaderno del suo compagno di scuola Mohamed. Per evitargli una punizione deve riportargli il quaderno entro l'indomani, ma non sa dove l'amichetto abiti. Parte alla sua ricerca, e dopo tante difficoltà e il disinteresse degli adulti, riesce nella sua impresa.
In una scuola del villaggio di Koker (sul Mar Caspio), Mohamed Reza, un bambino di circa 8 ani, è colto impreparato dall’insegnante per la seconda volta. Questa volta però il maestro gli dice che la prossima volta che non farà i compiti verrà espulso da scuola.
Un giorno, il suo compagno di banco Ahmad, si accorge di aver portato a casa il quaderno di Mohamed. Vuole riportare il quaderno all’amichetto e impedire l’espulsione se il giorno seguente i compiti non saranno consegnati, ma non sa dove Mohamed viva.
Tutto il film è principalmente questa odiss…

Il sapore della ciliegia - Abbas Kiarostami

Immagine
Il sapore della ciliegia, film di Abbas Kiarostami del 1997, vincitore della Palma d’oro a Cannes.


In persiano (طعم گيلاس, Ta'm-e gīlās).
Il signor Badii vuole suicidarsi e inizia a vagare con la sua auto in una zona in costruzione. Tra sali e scendi polverosi, strade a picco sul nulla, scavatrici e afghani al lavoro.
Badii cerca qualcuno che lo copra dopo la sua morte e propone 20000 toman per ricompensa.
La prima interazione è con un giovane del Kurdistan che fa il servizio militare. Il giovane spaventato scappa. 
La seconda interazione è con un afghano che studia alla scuola coranica e si arrangia come manovale. 
Qui la conversazione diventa più profonda e il ragazzo spiega come sia sbagliato dal punto di vista spirituale la sua decisione di suicidarsi.
La terza interazione è con un anziano signore, Bagheri, che racconta la sua passata depressione e come si è liberato dal desiderio di suicidarsi. Bagheri è uscito di notte con una corda per impiccarsi. Non riuscendo ad agganciare la co…

Close up - Abbas Kiarostami

Immagine
Close-up è un documentario del 1990, scritto e diretto da Abbas Kiarostami.
In persiano کلوزآپ ، نمای نزدیک, Klūzāp, nemā-ye nazdīk.


Il film è è il vero processo di Hossain Sabzian, un disoccupato in gravi difficoltà economiche che si spaccia per il registra Mohsen Makhmalbaf, circuisce la famiglia benestante Ahankhah inventandosi di voler girare un film con loro in cambio di denaro e un riparo nella loro casa.
E’ difficile capire ciò che è in presa diretta e ciò che è ricostruito. Anche se all’inizio del film si vede il microfono che appare in alto a sinistra mentre il giornalista chiede dell’arrestato ad un poliziotto…
Sabzian mi ha suscitato un senso di compassione profondo. Forse lo stesso senso di compassione che ha colpito lo stesso regista Makhmalbaf. Consiglio a tutti di avere un’attenzione maniacale per la fine del film, da quando il giudice chiede alla famiglia se vuole perdonare o no Sabzian in poi.
Tutti i protagonisti sono loro stessi, non ci sono attori. Ognuno ha mantenuto  …

Salade Olvieh

Immagine
Salade Olvieh
سالاد الویه
Più o meno un’insalata russa.



4 patate 3 uova 300 g petto di pollo 1 tazza di piselli 1 tazza di cetriolini sotto aceto succo di limone maionese pomodori per la decorazione
bollite nella curcuma e sfilacciate il petto di pollo, bollite patate e piselli. Grattugiate le patate e le uova fino a renderli una purea. Fate a cubetti piccoli i cetriolini. Aggiungete due cucchiai di succo di limone nella maionese (poca) e mescolate tutto. Per decorare fate a fettine il pomodoro.
Quando servite, usate una bella baguette e spalmatela di maionese. 

Buon appetito.
Aggiornamento: 22 Luglio 2017

La presentazione del piatto per gli iraniani è fondamentale. Qualunque pietanza, dalla più semplice alla più complessa, se non ha una buona presentazione perde molto. Utilizzate un po' di pomodoro o di piselli rimasti dalla preparazione e divertitevi!


Salsiccia Bandari

Immagine
Una cena diversa questa sera.


Salsiccia Bandari - سوسیس بندری
Un cibo leggero!
Prepararlo è facile, digerirlo è difficile.
Ingredienti:
Wurstel tagliati a dischetti patate tagliate a quadratini peperoncino tritato cipolle (io le odio quindi non le uso) sugo curcuma
Friggete tutto senza pietà, unite tutto in un qualunque recipiente, aggiungete un pò di sugo col peperoncino e riempiteci il pane. Il piatto originario è molto piccante, ma potete farlo anche moderatamente piccante e spegnere le fiamme con tanta acqua.
Buonissimo, ma non digerirò mai più.
Come ogni cosa denominata come “Bandari” viene dal sud Iran. Forse perché la città rappresentativa è Bandar Abbas? 

Un piatto facile e molto goloso per gli amanti del cibo da passeggio.

Il mio Iran. Viaggio in Iran

Si fa tanto un gran parlare dell'Iran, purtroppo per i motivi sbagliati.
In tempi non sospetti ho scritto del mio viaggio in Iran, annotando la cultura e le cose che mi avevano colpito.
Ho tralasciato tanto, tantissimo. Di personale c'è tutto in questo viaggio. Ho lasciato tanto per me da ricordare al di fuori di internet.
Non ho niente di negativo da dire, perché di negativo non ho trovato niente.
Non diamo spazio a "giornaliste" ignorantelle in cerca di visibilità. Inondiamo il web del nostro Iran, il paese che amiamo.

Questo è il mio Iran.


http://tutfaranghi.blogspot.it/2014/12/viaggio-in-iran.html

Tehran
http://tutfaranghi.blogspot.it/2014/12/tehran-baazar.html
http://tutfaranghi.blogspot.it/2015/01/tehran-borje-milad-vs-borje-azadi.html

Qom- Ghom
http://tutfaranghi.blogspot.it/2015/01/ghom-o-qom-una-notte-fuori-dal-comune.html

Kashan
http://tutfaranghi.blogspot.it/2015/01/kashan.html

Esfahan
http://tutfaranghi.blogspot.it/2015/01/esfahan-1.html
http://tutfaranghi.blog…

La scrittura cuneiforme

Immagine
La mia ossessione per gli alfabeti è nota.
Quante volte avrete letto o sentito parlare della scrittura cuneiforme? Tantissime volte suppongo. La maggior parte delle volte questo tipo di scrittura, il più antico al mondo, nelle nostre menti è associata a qualcosa di imperscrutabile.  Invece, oltre ad essere estremamente interessante dal punto di vista visivo, è anche leggibile. Non facilmente leggibile, si, ma non impossibile.

Alcuni cenni storici: Dario I reclama la paternità persiana della scrittura nel 520 a.c. Il Dariocentrismo dell'epoca lascia però gli studiosi scettici al riguardo. Infatti in Latakia (Ugarit) sono stati ritrovati gli esempi di scrittura più antichi. La scrittura cuneiforme è l'alfabeto adottato dalla dinastia Achemenide.

L'alfabeto:

Era di tipo logofonetico e alfabetico-sillabico. Ogni segno è una consonante, le vocali venivano aggiunte durante la lettura, più le sillabe. Per via dell'importanza dell'uso di alcune parole, qui sotto, vi è un es…

Nastaliq - aggiornamento

Vi ricordate il post sulla calligrafia persiana? 
Ebbene, ho trovato un sito molto interessante.
http://calligraphyqalam.com/styles/nastaliq-taliq-shikaste.html
Se aprite questo link vi troverete direttamente sulla pagina della calligrafia Nastaliq, ma se girate per il sito troverete tantissime informazioni e materiale anche sulla calligrafia araba.
Per chi fosse interessato a iniziare a scrivere, per ora ho trovato solo un libro di autoapprendimento:
Nuqteh: A new, easy, and effective method to learn Persian Calligraphy, di Ali Rouhfar.
Questo libro è in due volumi.
Di materiale in persiano ce ne sarà tantissimo, ma se si ha poca dimestichezza con la lingua, aggirarsi per i siti in persiano potrebbe diventare scoraggiante.
Io, invece, sono abbastanza convinta di voler imparare. Non so ancora con quali modalità. Vedremo. E se incomincio, ovviamente, posto qui.

Le streghe della notte

Non sono solita riportare per intero articoli di giornale, ma per questo argomento faccio uno strappo alla regola.
Articolo interessante che voglio conservare nel blog.
*********************************************************************************
Originale: http://it.rbth.com/storie/2015/05/14/le_streghe_della_notte_35865.html di Olga Belenitskaya, Rbth
Le streghe della notte

Venivano chiamate così dall’esercito nemico: le squadriglie del reggimento femminile russo erano composte da sole donne che incutevano ai tedeschi un vero terrore

Poco dopo l’inizio della Seconda guerra mondiale giunse al governo sovietico una valanga di lettere da club dell’aviazione, campi estivi, settori del trasporto aereo in cui le donne reclamavano con insistenza di essere mandate al fronte per combattere alla pari con gli uomini. Al contempo Marina Raskova, insignita del titolo di Eroe dell’Unione Sovietica e nota in tutto il paese per aver compiuto la leggendaria trasvolata senza soste da Mosca all’Est…

Kashke Bademjoon

Immagine
Kashke Bademjoon (o anche Kashk-e Bademjan, in persiano کشک بادمجان).

Era da tempo che avevo voglia di mangiare questo piatto persiano a base di melanzane. Non ho voglia di trasformare questo blog in uno di cucina, ma per una volta facciamo una deviazione in cucina.


Questa pietanza è molto semplice da preparare. L’unico ingrediente assente nel supermercato è il formaggio “kashk”. 


Procedimento:
mettere a bagno il kashk per tre giorni all’acqua. Pelare le melanzane, spaccarle in due o tre parti in verticale, salarle, aspettare che tirino fuori l’acqua. Lavarle e strizzarle. Farle friggere un pochino in una padella antiaderente. Metterle in una pentola con olio, acqua, pomodori e un pò di curcuma. Farle bollire con il coperchio per circa trenta minuti. Quando sono pronte, frullarle con il minipimer, servire in un piatto, decorandolo con il kashk, la menta (fatta saltare in una padella con l’olio) e lo zafferano.






Ma torniamo al kashk. Che cos’è?
E’ una specie di formaggio, a base di yogurt e gr…

Sag Koshi

Immagine
Abbiamo sperimentato il secondo film in persiano senza sottotitoli con Azizam.
Il film si intitola Sag Koshi (سگ كشي ) del 2001, diretto da Bahram Beizai.
Quando uscì il film tutti si stupirono che fosse pieno di star del cinema, solo la protagonista era per la prima volta sullo schermo, oggi affermata attrice.
Inoltre, il film fu bandito per un paio di settimane per via di alcuni messaggi contro la guerra.




Sag Koshi significa letteralmente uccidere il cane. La prima scena è infatti come una fotografia sfocata di cani uccisi perché rabbiosi. Il titolo non sembrerebbe calzante, ma poi ne capirete le ragioni.
Il film è ambientato a Tehran durante gli ultimi anni della guerra Iran Iraq.
La protagonista, Golrokh è una scrittrice che ha abbandonato il marito (senza divorziare) per un anno. Al suo ritorno, trova tutto cambiato: la sua casa è stata venduta con tutto il mobilio, suo marito è nascosto non si sa dove e in bancarotta. Decisa a voler rimediare all’errore di averlo lasciato l’anno preced…